Lasciare che i cani (al guinzaglio) si avvicinino l’un l’altro

Cane senza guinzaglio ad un altro cane:

Questo è un argomento esplosivo e onnipresente che può regolarmente portare a temperamenti emotivamente accesi. Ora cercherò di guardarlo obiettivamente e di “smontarlo”.

Devo dire subito che anche questo è un argomento per il quale probabilmente non ci possono essere linee guida chiare fissate nella pietra. Io stesso sono preso da una certa ambivalenza nel cercare di trovare una soluzione unica e onnicomprensiva. Cercherò quindi, con l’aiuto di esempi, di illuminare questo tema da diverse angolazioni.

Quello che mi dà molto fastidio, però, è che ci sono anche addestratori e scuole cinofile che diffondono o condividono opinioni e atteggiamenti su Facebook e co. e ovviamente non sono consapevoli della loro responsabilità. Perché molte persone, nella nostra società sovraccarica di informazioni, tendono semplicemente a far propri questi post poco attenti senza filtro e soprattutto senza riflessione, perché in fondo vengono dagli “esperti”. Anche se si possono trovare delle vere dichiarazioni di base, si tratta per lo più di post basati su emozioni e fastidi a breve termine, perché l’autore voleva semplicemente sfogarsi attraverso i social media. Sì, anche gli allenatori non hanno una pazienza eterna, ma probabilmente dovrebbero essere un po’ più attenti e premurosi con la diffusione di certe informazioni.

Come esempio, un confronto è da vedere qui che una persona (straniera) viene da un’altra persona e la lecca sulla faccia, annusa in tutti i posti possibili o addirittura salta nelle sue braccia, sulle sue spalle o da qualche altra parte. Solo per divertimento, la gente fa anche questo, naturalmente non necessariamente con gli estranei, tranne forse con una telecamera nascosta.

Sì, certo che non lo faccio, perché sono un UMANO e non un CANE.

Ci sono scenari di orrore esagerati qui e di nuovo: SI, naturalmente ci sono casi estremi, non sono anche da scusare o sostenere, ma quindi non posso generalizzare questo e indurre insicurezza, anche comportamento pauroso.

Ed è proprio questa generalizzazione, una generalizzazione di situazioni estreme che dovrebbe essere una giustificazione per regole generali di comportamento che sto criticando. Mi preoccupa come si comunica qualcosa e come si fa l’addestramento, o quale addestramento può mancare nella scuola dei cani. Proprio come a scuola guida, essere più reattivo anche con le persone.

Naturalmente, in verità, i buoni addestratori di cani differenziano molto più accuratamente di quanto potrebbero rapidamente condividere nella foga del momento, ma è proprio qui che si trova il pericolo.

Conosco questo argomento da entrambe le prospettive. Ci tornerò anche negli esempi.

La domanda e l’approccio per me ora è:

Cosa voglio (per me e il mio cane) e.
Cosa non voglio.

Supponiamo ampi spazi aperti e un cane davvero “dolce”, socievole, socializzato e semplicemente felice:

Voglio lasciare che questo cane corra libero, voglio che gli sia permesso di scatenarsi e vagare liberamente perché so che non si avvicinerà a nessun altro cane, al guinzaglio o no, in modo sgradevole. Il richiamo, ovviamente, dovrebbe essere a metà strada. Ma so che non dovrei preoccuparmi del bambino, del cane o della persona.

In verità, ci sono molti più cani dove tutto funziona senza problemi che cani dove qualcosa del genere potrebbe portare a un problema. Solo con tali cani “senza problemi”, si visitano di regola anche meno le scuole per cani, con le quali si spiegherebbero anche certe distribuzioni…

Un cane che sta all’esterno in un’ampia natura ad una linea di trascinamento, non ha affatto automaticamente un problema con un cane a corsa libera. Per lo più si aggrappano alla lenza per proteggersi dalla fuga e/o dall’istinto di caccia. Lo si vede molto spesso.

E ancora: naturalmente non puoi vederlo così facile e rilassato, se sai esattamente che il tuo cane può diventare rapidamente un “hooligan”. Dovresti essere così onesto con te stesso o avere allenato un richiamo al 100%. Altrimenti può essere con un insieme rilassato naturalmente niente.

Non voglio che mi si dica (in modo permanente) e soprattutto in modo sgradevole di portare il mio cane al guinzaglio. Mi dispiace, non a causa di una cattiva esperienza (per quanto tragica possa essere), per “principio” – soprattutto non nella natura lontana e per qualsiasi altra testardaggine. Così come non spetta a me raccomandare il parco come un posto migliore a tale controparte, non spetta all’altra persona limitare me e il mio cane in alcun modo. (Di nuovo: bisogna essere sicuri del proprio cane!).

Molto bene, vorrei poter considerare il mio incontro, se è davvero urgente – vedi esempio MERLIN più in basso. Solo la gente, che raramente è stata davvero il caso. Sì, abbiamo portato qui più stress del necessario, perché non ci fidiamo più l’uno dell’altro, ma questo può cambiare di nuovo, in modo da poterci occupare dei casi veramente problematici e non muoverci in un mondo isolato.

Quindi, subito dopo questo, l’altro lato della storia:

Io ho un chiassoso, un pazzo, un imprevedibile, … un “unico nel suo genere” diciamo.
Proprio come il cane estremamente pauroso o malato o ferito.

Voglio che la persona il cui cane potrebbe avvicinarsi a me sia consapevole del fatto che potrei tenere un tale cane al guinzaglio e sappia che il suo cane ci lascerà rapidamente andare qui o potrà essere richiamato senza problemi. Mi aspetto che la mia controparte non cada poi in un’indignazione, se il suo cane è attaccato dal mio eventualmente qualcosa, che ho naturalmente sotto controllo, a condizione che l’altro cane cerchi anche di nuovo velocemente il lontano o sia ordinato indietro. Ma non voglio nemmeno cadere subito nel “panico” e questo è esattamente ciò che la cooperazione e l’esperienza richiedono da entrambe le parti.

Non voglio che il cane che viene a correre verso di noi, completamente incontrollabile e assolutamente inadatto alla corsa libera, mi metta in una situazione davvero angosciante. Incidenti e contrattempi possono accadere, certo, ma questa dovrebbe essere l’unica eccezione.
Non voglio nemmeno essere criticato ed escluso per un cane che forse è meno socievole, ma che forse a una certa distanza può forse avvenire una comunicazione e un avvicinamento, forse posso anche essere aiutato. Quindi perché non fare un po’ di strada insieme con entrambi al guinzaglio per il supporto.

Soprattutto in casi estremi, vorrei che usassimo di più idee come il nastro giallo – Yellow Dog o Gulahund, Yellow-Dog, soprattutto quando si tratta effettivamente di una distanza molto importante. Scrivo casi estremi perché una certa quantità di spaziatura – probabilmente molto vista sull’area in esame – va semplicemente troppo oltre per me. Un viale, un parco, ecc. è qualcosa di diverso da una vasta area (escursionistica) in natura. “Occupare” lo spazio lì perché voglio fare esercizio mi sembra una cosa troppo bella. Lì troverò i miei posti. Perché se devo rimettere il guinzaglio al mio cane ogni 200 metri in natura libera, perché qualcuno si sta allenando, allora diventa noioso.

Non c’è niente di più bello e importante che i cani possano muoversi liberamente e “sfogarsi”. Alcuni cani non faranno mai questa esperienza in ogni caso. Con un richiamo ben allenato ho già vinto molto, ma non sempre deve “funzionare” perfettamente.

Può darsi che ci siano persone che non sono della stessa opinione qui e che camminano anche per distanze più lunghe con i loro cani con un guinzaglio normale e piuttosto corto. Personalmente non lo considero auspicabile e sono proprio i rari casi che vorrei accusare di una certa ignoranza, un’ignoranza di voler quasi negare qualcosa ai tanti altri cani felici e compatibili. Naturalmente, queste sono solo le mie esperienze personali. Ma avevo già più spesso l’impressione che i cani fossero strumentalizzati qui, come un pezzo di spettacolo senza molta naturalezza e allegria.

Ma una cosa è chiara e non discutibile: così come non possiamo proibire a un mountain biker di sfrecciare giù per il pendio, qui abbiamo semplicemente zero diritto di istruzione, non possiamo prescrivere nulla agli altri proprietari di cani. Solo nel caso di un danno, un tale modo di agire per l’interessato diventerà naturalmente il problema. Forse nel modo in cui comunichiamo, si dovrebbe tenere presente di più.

Si tratta di stare insieme e non voglio usare tanto il termine “rispetto”, ma piuttosto di comprensione reciproca. Tuttavia, anche sulla comprensione che alcuni cani possono muoversi bene e volentieri e senza problemi senza guinzaglio. Non deve essere sempre il cane perfetto con perfetta subordinazione, può essere anche volte completamente normale, allegro e “senza problemi” cani semplicemente.

Non è facile scrivere questo argomento complesso. Perché ci sono troppe combinazioni di cani, proprietari e condizioni, così come aree/luoghi. Preferisco tenere d’occhio le costellazioni che funzionano bene, invece di generalizzare sulla base di incidenti sfortunati. Soprattutto un po ‘più di fatto, meno emotivamente e soprattutto meno “Marktschreierisch”, perché dobbiamo essere in grado di trattare anche ancora con Jogger, Mountainbikern e bambini e quelli con us…..

Ecco alcuni esempi dalla mia esperienza personale:

Merlino:

I miei due pastori misti Rhea e Merlin sono venuti entrambi dal rifugio. Dopo la morte di Reha, il comportamento di Merlino purtroppo è cambiato molto in peggio. Diciamo che è diventato un po’ “reattivo” ????. Da un lato, questo era certamente dovuto alla perdita di Rhea, ma, per me oggi in retrospettiva, molto classico, ma soprattutto a causa del fatto che non ho potuto dargli in quel momento anche in aggiunta la guida necessaria per lui. Un’altra ragione era forse già a quel tempo che forse aveva già dolore a causa del suo inizio, contrattura di Gracilis (accorciamento permanente o cicatrizzazione del tessuto, qui il Musculus gracilis). A quel tempo, e sono già passati 13 anni, non molti veterinari conoscevano questa malattia. Solo per ottenere la diagnosi è stato un affare lungo e costoso.

Merlino non era più un cane socievole, anche se ci avevo provato con tutte le mie forze. Così siamo andati a fare passeggiate o escursioni nei momenti in cui era più probabile che fossimo indisturbati, e a un certo punto ho evitato il più possibile il contatto, dato che già si faceva male abbastanza spesso sul muscolo accorciato e poi giaceva “urlando” sul pavimento davanti a me. Quante volte avevo pensato tra me e me “adesso basta”. Chiunque conosca una situazione del genere sa quanto sia terribile vedere il proprio animale soffrire.

Comunque, una volta stavamo tornando dalla nostra passeggiata in una zona libera e spaziosa, quando ho già visto un proprietario con un cane che correva libero in lontananza. Guardando avanti, ho sterzato con Merlino come meglio potevo per far passare l’uomo e il cane. Come doveva accadere, il cane è venuto di corsa da noi e Merlino, nel suo modo offensivo di allora, ha perso il coraggio. E naturalmente si è fatto male di nuovo in questa situazione. Per quanto fossi arrabbiato, anche se composto, in quel momento, è naturalmente degenerato di nuovo in doloroso “urlare” e crollare da lui. Tuttavia, riflettendo sobriamente, devo dire che questo cane “strano” era un cane assolutamente socievole, molto passivo e spettava semplicemente a Merlino stesso affrontare questo cane in modo offensivo. Certo, in quel momento era certamente il dolore che lo aveva portato a questo comportamento, quasi “l’attacco è la migliore difesa” ma proprio con questo ha alla fine riportato il dolore a se stesso.

Certo, ero anche irritato perché Merlino, il mio legame emotivo, era ferito e sofferente, ma non posso incolpare tutte le altre persone che camminano liberamente nella natura con cani socievoli per la nostra sofferenza in quel momento. Non si deve nemmeno supporre che ogni persona con un cane debba supporre permanentemente che un caso così tragico sia in agguato dietro il prossimo angolo. Questo purtroppo non è intenzionale.

Perciò è anche mia preoccupazione stabilire il nastro giallo (cane giallo) proprio per questi casi e per aiutare a una maggiore ammissione.

Quindi conosco molto bene il problema e il desiderio di non avere alcun contatto.

Un altro esempio:

Durante una passeggiata, anche in natura libera in una vasta area escursionistica, stavo camminando lungo un sentiero con un cane da rifugio, obbligatoriamente con museruola e guinzaglio, quando ho visto in lontananza già un’intera orda di cani che correva verso di noi. In quel momento ho pensato a quanto velocemente sarei stato in grado di togliere la museruola al mio cane (era possibile), ma ho lasciato perdere e avrei potuto semplicemente lasciare andare il cavo di trascinamento se necessario. Quasi allo stesso tempo ho sentito, la donna che correva dietro il branco, che già mi gridava “niente panico, niente panico”. Beh, in una situazione del genere si può solo rimanere calmi e composti, soprattutto perché non si può pensare che si tratti di un branco di lupi a caccia e in cerca di prede. È molto importante afferrare la situazione ed essere pronti all’azione, in ogni caso è assolutamente controproducente farsi prendere dal panico in anticipo ed eventualmente togliere la sicurezza al cane. Perché se vi fate prendere dal panico, anche il vostro cane finirà per sentirsi obbligato a proteggere. L’incontro si è svolto senza incidenti e il mio cane adottivo ha gestito la situazione in modo ammirevole.

Penso che sia stato un comportamento scorretto da parte del proprietario? Non necessariamente. Perché era già molto sicura del suo “branco”, come è emerso nella successiva conoscenza. Erano anche cani eccellenti, molto felici e sociali e la corsa verso di loro avveniva per gioia ed esuberanza. La proprietaria lo avrebbe impedito in linea di principio, era solo troppo tardi con esso, perché non mi aveva visto in tempo.

Un altro esempio più problematico:

Di nuovo a spasso con un cane da rifugio, ho passato una donna con un Pit Bull o un mix AmStaff a una certa distanza. Forse oggi sarei anche tornato indietro, ma probabilmente sarebbe stato troppo tardi. In quel momento ho potuto osservare molto bene come il cane della signora era già su un certo livello di eccitazione e il proprietario aveva notevolmente la situazione non molto sovrana nella presa. Così sono passato velocemente, tenendo sempre d’occhio i due, ed è venuto come doveva venire, il cane si è liberato. Così sovranamente il mio cane protetto in quel momento era anche, che aveva tutto il suo positivo, così ero anche consapevole che da questo una situazione escalation potrebbe risultare veloce. Il cane strano si è aumentato molto velocemente in un comportamento “eccitato” puramente, in una direzione “tilt” come mi è stato insegnato in quel momento su queste gare (non saprei ora affatto se questo avrebbe ancora una validità generale) e il mio cane ha iniziato già notevolmente questo comportamento di non approvare.

Fortunatamente, avevo del cibo con cui esercitarmi (dolcetti), l’ho lanciato generosamente all’altro cane e mi sono allontanato dalla situazione a passo veloce. Nessuna “fuga”, ma semplicemente determinato e coerente. In questo breve periodo di tempo, la proprietaria è stata in grado di avvicinarsi di nuovo al suo cane e di rimetterlo al guinzaglio.

Questo è assolutamente da vedere come un fallimento del proprietario del cane, perché avrebbe dovuto conoscere meglio il suo cane o non era affatto adatto a questo cane. Ma non voglio escludere un contrattempo e gli “incidenti” capitano. Tuttavia, rimane per me in questa situazione un principio di cattiva condotta del proprietario. La razza del cane strano può essere inutile notare qui, l’ho fatto per la descrizione di un potenziale, superiorità fisica, perché ho avuto a che fare anche con individui di questa razza, che erano assolutamente socievole e non sarebbe mai venuto in una tale situazione a problemi dal loro lato. Tuttavia, uno non lo sa in anticipo e può riconoscerlo solo a breve termine.

Contatto di due o più cani al guinzaglio:

Naturalmente, è possibile lasciare i cani insieme al guinzaglio. In città come nella natura questo può funzionare super e se non funziona, allora si rompe. Ma allo stesso tempo non bisogna forzare. Può, ma non deve. Non c’è solo uno o l’altro è giusto qui.

Esattamente qui dobbiamo considerare però di nuovo le condizioni:

Le persone coinvolte sono “abbastanza in forma” nel maneggiare il guinzaglio del cane (anche drag line) e nel riconoscere un’escalation? Le persone coinvolte sono in grado di uscire dalla situazione abbastanza rapidamente, senza agitarsi, se minaccia di degenerare?

Sì, forse mi ci avete portato ora, forse qui sto assumendo erroneamente che le persone possono farlo facilmente se si lasciano coinvolgere. Che le persone possono giudicare la loro controparte a metà strada. Soprattutto la squadra uomo-cane come mia controparte. Ma forse anche questo può essere sempre più portato in una formazione.

Fate attenzione agli UMANI, non solo ai cani. Se l’umano come proprietario di un cane non vuole, penso che sia per riconoscere, poi lasciarlo, anche se il suo cane parla un’altra lingua eventualmente. Tutti abbiamo brutte giornate, forse anche dolori, e vogliamo solo far uscire il nostro cane. Si può già dire, dal linguaggio del corpo dei tempi umani!

Stabilisci un contatto visivo con l’umano, osserva come gestisce il suo cane. È sicuro di sé o è sopraffatto? Ti sembra facile e comunicativo o ti sta già dando sui nervi. Guardate il rilassamento o la tensione dei vostri cani, ascoltate la vostra sensazione.

Anche qui non sto parlando di “allenamento al contatto”. Soprattutto non fatelo con il vostro cane, siete già in una relazione da troppo tempo, il che non vi giova necessariamente. Parlo di situazioni quotidiane con cani “normali” e socievoli.

E se tutto va bene, allora lasciate che i vostri cani annusino, osservate, fate le vostre “danze” di srotolamento del guinzaglio e tenete sempre d’occhio la situazione. Forse finirete per camminare un po’ insieme, forse li lascerete entrambi scatenarsi liberamente, o forse semplicemente non ha funzionato e andrete per la vostra strada senza stress.

Rimanete sciolti, non fatene troppa scienza.

Lasciare che i cani (al guinzaglio) si avvicinino l’un l’altro