L’aggressività come parte di tutta la comunicazione nei cani?

Come sempre, vorrei rimanere obiettivo e non trascurare la nostra lingua tedesca e le definizioni valide. Soprattutto nell’ambiente dell’addestramento e della formazione dei cani, ma è spesso formulato in modo impreciso e / o (mal) copiato. Ci sono poi rapidamente sui social media e altri siti opinioni poco studiate di nuovo. Quindi cominciamo con la definizione di aggressione:

Pschyrembel: (aggressione in inglese)

“Comportamento diretto contro persone o cose con l’inflizione di violenza fisica o psicologica, ad esempio nel caso della paura o della minacciata perdita di potere, che è sia geneticamente inerente che reattivamente attivabile”.

In una vecchia versione diceva: “termine generale per qualsiasi comportamento di attacco di esseri umani e animali che è diretto contro altri individui o se stessi (autoaggressione) ed è l’elaborazione (difesa, reazione) di un precedente stato di paura”.

In questo contesto, aggiungiamo subito la definizione di paura:

Pschyrembel: (ingl. ansia, paura)

“stato emotivo percepito come sgradevole, tuttavia vitale (perché segnala un pericolo), con un motivo centrale di evitare o allontanare un pericolo e, in certe circostanze, sintomi psichici e fisici concomitanti”

Definizione di comunicazione:

Pschyrembel: (lat. communicare).

“Processo di trasferimento di informazioni tra individui che utilizzano mezzi espressivi verbali e non verbali (gesti ed espressioni facciali), per cui, oltre alle informazioni fattuali in senso stretto, si definiscono relazioni e si scambiano messaggi sociali complessi (metacomunicazione).”

Aggressione nel regno animale

Wikipedia:

“Nel regno animale, il comportamento aggressivo è molto diffuso. Viene interpretata dai biologi comportamentali come una competizione diretta per le risorse o per il cibo (competizione interspecifica e intraspecifica), difesa del territorio, stabilire o cambiare un ordine di rango, e anche competizione per un possibile partner sessuale”.

Alla luce di queste definizioni, non vedo affatto l’aggressività come parte di una comunicazione, e certamente non come un comportamento “normale”. L’aggressività può essere vista come parte della comunicazione quando si tratta di violenza psicologica (minaccia).

Ma cosa c’è di incompreso?

Il comportamento espressivo del cane o linguaggio del corpo è una base fondamentale e importante per capire il cane e come comunica. Ciò che gli umani possono interpretare erroneamente come comportamento aggressivo (espressivo) può essere solo parte della loro comunicazione come segnali calmanti per evitare che un confronto fisico si verifichi in primo luogo.

“La motivazione per esercitare l’aggressività è la paura e l’insicurezza” – questo può essere il caso, ma non deve essere necessariamente così. Vedi predisposizione genetica per saperne di più.

Ora, cosa ha a che fare questo con l’addestramento dei cani?

Beh, alla gente piace parlare di comportamento di paura (la paura di perdere l’integrità fisica) in termini generalizzati per i cani che inseguono altri cani durante le passeggiate, e considerare questo piuttosto che il comportamento di dominanza.

Come buoni addestratori di cani dovremmo considerare tutte le possibilità e anche differenziare le sottili differenze di paura attraverso l’osservazione. Specialmente il modello mittente-ricevente nella comunicazione può portare importanti intuizioni qui.

Rimaniamo sul modello dell’aggressione dovuta alla paura e guardiamo prima diversi paragoni per capire la terminologia:

Una persona è in fila alla cassa, il figlio della madre davanti a lui ha urlato tutto il tempo, la persona dietro di lui lo ha leggermente urtato con il carrello della spesa per l’ennesima volta. La persona perde i nervi, martella la maniglia del carrello e grida a squarciagola “Finalmente si apre un’altra cassa”.

Questa persona ha un comportamento aggressivo? Secondo la definizione sì, fisicamente contro la maniglia del carrello della spesa e psicologicamente urlando (conta come violenza psicologica, anche se non tutti gli individui saranno colpiti da questo).

La paura è la causa dell’aggressività? Beh, forse a livello psicologico profondo, ma in generale lo negherei ora. Sono piuttosto i processi fisiologici che “fanno bruciare i nervi” (esaurimento, stress, ecc.).

Un altro confronto con il mondo reale:

Un genitore afferra il bambino che si avvicina al bordo del marciapiede, lo tira a sé con uno scatto e lo schiaffeggia o lo scuote vigorosamente, possibilmente urlandogli contro. Probabilmente o forse, il genitore stesso deve aver sperimentato una tale reazione prima (cioè un rimprovero fisico) per agire in questo modo, non sono in grado di giudicare questo ora, ma è da considerare come un argomento separato.

Qui abbiamo sicuramente a che fare con la paura. Ma questo deve essere differenziato. È, in quella frazione di secondo, principalmente la paura del genitore di perdere il bambino in un incidente o la paura che il bambino possa fare qualcosa di “stupido” e correre in strada? Quindi, la paura risiede direttamente nel genitore o è proiettata sul destinatario dell’aggressione? Ci sarà probabilmente una certa combinazione qui, ma a causa del fatto che il bambino non era ancora sulla strada, ma solo la possibilità è stato visto che questo accade (vedi anche principio di fiducia nel traffico stradale) potrebbe (giustamente) mancanza di fiducia, creare una sorta di paura vicaria.

Ora abbiamo due esempi dal comportamento umano e li mettiamo su una relazione uomo-cane:

Perché un cane ora mostra un comportamento di aggressione verso un altro cane se avviene per paura? È sempre la paura del cane? O può essere rappresentativo per il proprietario? Osservate attentamente i vostri clienti quando si occupano del loro cane! Prenditi il tempo necessario per ottenere risultati sostenibili e mantenere clienti soddisfatti!

Sappiamo che gli animali e anche i cani hanno una sensibilità molto più forte dell’uomo adulto e stressato della nostra società moderna. Quanto spesso accade che l’umano reagisca con stress nel periodo che precede un tale incontro e trasferisca questo sentimento al cane. In una tale costellazione il cane forse assume il compito di proteggere il suo padrone o la sua padrona piuttosto che agire per la sua propria paura.

Quindi sì, la paura è una possibile causa di aggressione, ma per favore cercate sempre di differenziarle.

“In natura non troverete canidi troppo aggressivi, …” Penso che questa sia un’affermazione molto audace e dubbia. La natura “selvaggia” è crudele, molto! Se la prole di un altro branco viene uccisa per evitare di dover eventualmente condividere le scarse risorse, allora considero l’uccisione il culmine dell’aggressività. Se qualcosa è “eccessivo” va sempre visto nel contesto.

Ci sarà sempre una causa di aggressione, che deve essere trovata, non solo secondo lo schema-F, ma individualmente! Troppo spesso oggi (soprattutto via Internet) la conoscenza viene trasmessa in modo impreciso o maldestro e troppe persone prendono molto rapidamente il contenuto trasmesso come “assoluto”. Gli effetti possono poi essere osservati quotidianamente. Dobbiamo mostrare le possibilità, anche se questo non è così facile, sulla via scritta.

L’aggressività come parte di tutta la comunicazione nei cani?