Cani, selvaggina e cacciatori

Un argomento su cui posso essere breve, tanto per cambiare.

Gli animali domestici non saranno fucilati. Periodo. Inoltre non si cattura e non si spara nella trappola. Purtroppo, ci sono persone che non sono mentalmente all’altezza e cercano di compensare qualsiasi inadeguatezza soppressa in un comportamento da morboso a pericoloso (anche verso le persone). È un argomento sfaccettato con alcuni eccessi veramente devianti.

Questo non significa che sono contro la caccia di per sé, però. Niente affatto. Inoltre, mi è stato permesso di incontrare grandi cacciatori, cacciatori “veri”, che non sparano agli animali per il gusto di farlo o per la caccia ai trofei. Non ci vedo niente di male nemmeno come evento “sociale”. Qui sta già avvenendo un ripensamento e i maestri delle associazioni chiedono sempre più spesso una caccia corretta e decente nelle manifestazioni, come ho potuto constatare in Stiria, per esempio.

Tuttavia, non c’è anche nessuna giustificazione, se i cani correre animali selvatici alla morte e forse ancora lacrima. I proprietari di cani che permettono una cosa del genere “attivamente”, addirittura si divertono con essa o addirittura la costringono appartengono naturalmente al conto. Lì le cacciatrici e i cacciatori sono da intendersi assolutamente. E sto parlando di un vero inseguimento, non che un cane scacci uno stormo di corvi, che non catturerà comunque.

Solo il cacciatore può sapere solo male se l’animale è uscito qualcuno involontariamente, si è strappato dal guinzaglio del cane o solo un pazzo era il titolare. Noi uccidiamo e mangiamo la selvaggina, ma non gli animali domestici, almeno non alle nostre latitudini. Pertanto, il legislatore deve vietare l’uccisione di animali domestici da parte dei cacciatori o imporre sanzioni più severe a questi “professionisti” per tali incidenti. Sono dell’opinione che questo sia comunque regolato nella legge austriaca sulla protezione degli animali, perché l’uccisione di animali domestici difficilmente corrisponde all'”esercizio della caccia”, che forma un’eccezione della TSchG. Di regola, gli animali domestici semplicemente “scappano” o scappano e non c’è nessuna giustificazione qui per infliggere danni emotivi a qualcuno perché spara a un animale domestico per “rabbia e collera”.

Finché non mi definisco vegano, non posso oppormi alla caccia. Personalmente lo preferisco alla morte in un mattatoio, ma questo è un altro argomento. Tuttavia, ogni proprietario di animali domestici dovrebbe pensare alla provenienza del cibo per il suo amato animale prima di dire una parola negativa sui cacciatori in generale. Dobbiamo tutti fare attenzione a non mettere insieme gli animali in generale. Nel mattatoio non viene coccolato a morte.

E se tutti questi argomenti non sono sufficienti, è chiaro che gli animali domestici creano più posti di lavoro e produzione economica che i danni causati da occasionali “incidenti” con animali selvatici.

È importante ascoltare entrambe le parti, mostrare la volontà di ascoltare e capire. Nelle aree ricreative locali lo vedo con la caccia solo allora in realtà solo problematico. La protezione degli animali, anche nel contesto dell’uccisione ad esempio per mezzo della caccia, deve godere in ogni caso di una priorità assoluta e incondizionata, altrimenti non ci può essere un consenso approssimativo. Qui si deve prestare attenzione a questo già durante l’allenamento e il controllo. Abbiamo bisogno di cacciatori dal grilletto facile tanto quanto i terroristi!

Cani, selvaggina e cacciatori